Cosa fare quando il cavallo si impenna

Il cavallo che si impenna richiama alla mente immagini meravigliose ma occuparsi o montare un simile soggetto è tutt’altro che una cosa gradevole. L’impennata è solo una reazione perciò è necessario individuarne la causa ed avere le competenze adeguate per scegliere le strategie correttive più adatte.

L’immagine di un cavallo rampante nell’immaginario collettivo richiama le meravigliose statue equestri, la forza, la potenza e tutto lo splendore dell’animale, ma qualsiasi proprietario di un cavallo o cavaliere sa che occuparsi di un soggetto che si impenna per difesa o per rifiuto è tutt’altro che una cosa gradevole. È una pratica che può mettere in pericolo sia il cavaliere che il cavallo.

Come è stato già detto in un precedente articolo ci sono diversi motivi per cui un cavallo mette in atto un simile comportamento (leggi qui i motivi per cui un cavallo si impenna) e individuare la causa che induce l’impennata indirizzerà il cavaliere nella scelta delle azioni e strategie correttive più adatte. Ad esempio se l’impennata è causata da dolore fisico, allora la situazione è facilmente risolvibile chiamando il veterinario e individuando il problema preciso. Se, invece, è causata da una sellatura inadeguata sarà sufficiente verificare l’attrezzatura che si utilizza, le eventuali fiaccature, ecc.

Se si ha a che fare con un cavallo rampante per altre cause, è necessario cominciare a prestare attenzione ai particolari. Si è notato che mette in atto il comportamento in un punto preciso? In modo del tutto casuale oppure è possibile predire il suo comportamento? Ad esempio, se il cavallo si impenna solo in un determinato punto del maneggio o del campo, è molto probabile che la sua reazione sia dovuta all’apprensione.Teme qualcosa in quell’area, che si tratti di un tubo che giace nell’erba o una cartina luccicante fissata nel terreno o qualsiasi altro oggetto che ritiene strano. Se la paura è la causa, essa va affrontata alla radice; non concentrarti sull’impennata poiché è solo una reazione. Una volta eliminata la paura, si elimina il cattivo comportamento. Un altro esempio comune con alcuni cavalli più giovani o più indipendenti è dettato dal tempo. Se noti che il tuo cavallo inizia a impennarsi sempre dopo un tot di minuti, potresti semplicemente ridurre la sezione di lavoro, forse non è ancora pronto per il programma che hai pensato per lui. Analizza le tue richieste e cerca di determinare se stai chiedendo troppo, o se il tuo cavallo è semplicemente pigro e non rispetta la tua autorità.

I problemi insorgono, invece, se l’impennata diventa un comportamento consolidato soprattutto se il cavallo la mette in atto anche con il cavaliere in sella perché è una situazione decisamente più pericolosa rispetto alla conduzione a mano. Quando si conduce con la lunghina un cavallo che tende a impennarsi sarà sufficiente non porsi direttamente di fronte al cavallo perché si corre il rischio di essere colpito dagli anteriori e mantenere una posizione laterale, piuttosto vicino alla spalla. Se dovesse impennarsi gli si concede tutta la lunghina di cui ha bisogno per alzarsi. Di solito la prima reazione della maggior parte delle persone è quella “punirlo” urlandogli contro e di tirare o strattonare la lunghina. Un simile intervento gli darà solo la sensazione di essere “intrappolato” e la sua naturale reazione sarà quella di combattere contro la pressione. Inoltre, c’è una forte probabilità che si possa peggiorare la situazione dato che la paura e il dolore causati da una tale azione non faranno che aggravare le forti emozioni con cui è già alle prese.

Quando si conduce il cavallo a mano, l’ideale sarebbe riuscire ad evitare che si impenni. Il modo migliore è quello di mantenere in ogni momento la concentrazione del cavallo e contemporaneamente a prestare attenzione alla sua postura (che ti dirà se è teso), alle sue orecchie (che ti diranno dov’è la sua attenzione), alle sue reazioni. Quindi se il cavallo si ferma, non vuole avanzare e fa dei passi indietro non serve urlargli contro o obbligarlo ad avanzare piuttosto sarà più utile riconquistare la sua attenzione e indurlo a “cambiare idea”, a volte è sufficiente cambiare direzione altre volte cambiare il tipo di lavoro, la cosa fondamentale è riuscire a prevedere il suo comportamento.

L’impennata con il cavaliere in sella, come si accennava all’inizio, è una situazione più pericolosa e a meno che non si è un cavaliere molto esperto è meglio evitare di montare “impennatori seriali”. Prima di tutto, se si monta un cavallo con questa attitudine è imperativo aver acquisito in sella il giusto equilibrio e un buon assetto. Inoltre si deve essere in grado di “sentire” il linguaggio del corpo del cavallo e capire il movimento retrogrado unito a certo grado di leggerezza nei  suoi anteriori quando sta pensando di impennarsi.
Quando un cavallo inizia a comportarsi in questo modo, il primo istinto di molti cavalieri è quella di tirare le redini ma così facendo non si farà altro che incentivare l’intezione dell’impennata. Inoltre, tiranto indietro un cavallo sbilanciato, si aumenta drasticamente la possibilità di farlo ribaltare. Quando un cavallo si impenna, ci si deve immediatamente piegare in avanti, se necessario reggersi al suo collo e allentare completamente le redini. Il cavallo avrà bisogno di tutto il suo equilibrio per evitare di cadere. L’ideale sarebbe riuscire ad anticipare quale sarà la mossa del cavallo in modo da poterlo neutralizzare prima che possa eseguirla. Infine, mantieni la mente del  cavallo impegnata, perché la noia è una delle cause che provoca l’impennata. Prova a variare la sessione di lavoro. Varia le andature. Varia le direzioni. Aggiungi percorsi, barriere. Se senti che perde concentrazione, dagli un ordine per riconquistare la sua attenzione. Un cavallo felice e concentrato è improbabile che metta in atto comportamenti indesiderati.
I proprietari inesperti o i principianti non dovrebbero provare a risolvere questo problema da soli, la cosa migliore è sempre chiedere aiuto a persone esperte e competenti.

se comprendi la mente del cavallo, riuscirai a prevedere il suo comportamento.

Robert M. Miller

I MISTERI DEL CAVALLO
di Robert M. Miller

I misteri del cavallo“ è un libro che spiega ogni azione e reazione del cavallo da un punto di vista etologico, psicologico e comportamentale. Un libro di etologia? Non solo! L’originalità del libro sta nel fatto che affronta ogni azione e reazione del cavallo tenendo conto anche del comportamento dell’uomo e della sua psicologia. Chiarisce in modo semplice tutte le nozioni scientifiche dei meccanismi che entrano in gioco quando ci si relaziona con un cavallo aiutando così ad instaurare un canale di comunicazione corretto ed efficace per ambo le parti.

Uno dei libri di etologia più letto negli ultimi anni. Un bestseller secondo le classifiche di IBS.IT

Il testo si può acquistare presso l’e-store di Zoraide Editore, presso ElephantsBooks (on line oppure in libreria) e presso le principali librerie on line. Il testo è ordinabile (fornendo il codice ISBN) presso tutte le librerie in territorio nazionale.

ISBN: 9788890529306
Curatore: S. Cappello
Editore: Zoraide Editore
Anno edizione: 2008 – 2011
Pagine: 120 p., Brossura
formato: 15 x 21
lingua: Italiano

ACQUISTA ON LINE >>>

 

Add Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie (tecnici e analitici) per le proprie funzionalità e per poter offrire una migliore esperienza di navigazione agli utenti. Inoltre questo sito contiene componenti di terze parti che utilizzano cookie di profilazione a scopi pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Per maggiori informazioni si può consultare la nostra informativa estesa cliccando su INFORMATIVA PRIVACY. Per abilitare/disabilitare le varie tipologie di cookie del nostro sito, clicca su "Cookie Policy"; per avere immediatamente accesso al sito accettando quindi i cookie, clicca su "Ok ho capito e accetto". Proseguendo la navigazione sul sito o chiudendo questo banner, acconsenti a tutti gli effetti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie (tecnici e analitici) per le proprie funzionalità e per poter offrire una migliore esperienza di navigazione agli utenti. Inoltre questo sito contiene componenti di terze parti che utilizzano cookie di profilazione a scopi pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Per maggiori informazioni si può consultare la nostra informativa estesa cliccando su INFORMATIVA PRIVACY. Per abilitare/disabilitare le varie tipologie di cookie del nostro sito, clicca su "Cookie Policy"; per avere immediatamente accesso al sito accettando quindi i cookie, clicca su "Ok ho capito e accetto". Proseguendo la navigazione sul sito o chiudendo questo banner, acconsenti a tutti gli effetti all'uso dei cookie.

Chiudi