Il cavallo sensibile al sottopancia

Il cavallo sensibile al sottopancia mette in atto dei comportamenti indesiderati che con il tempo possono aggravarsi e diventare pericolosi.

Dedichi molto tempo alla cura del tuo cavallo e sei molto scrupoloso in tutte le procedure di pulizia, lo strigli con cura, gli pettini coda e criniera, pulisci i piedi e passi il grasso sugli zoccoli, ma quando è il momento di mettergli la sella e allacci il sottopancia, non importa quanto delicatamente, il tuo cavallo si agita, tira le orecchie indietro, tenta di morderti o calciarti. Avere un cavallo “sensibile al sottopancia” è un problema comune per molti proprietari. Il cavallo potrebbe essere arrivato da te con il comportamento già acquisito, oppure potrebbe averlo sviluppato in seguito. Perché i cavalli diventano irascibili quando si stringe loro il sottopancia?

I motivi di questo comportamento possono essere molteplici. La causa più comune può riguardare un problema di salute. Infatti un cavallo può reagire in modo inaspettato o, nei casi più gravi, in modo aggressivo a causa del disagio o del dolore causato da ulcere gastriche o problemi intestinali. Oppure potrebbe avere mal di schiena e dolori muscolari o ancora il cavallo potrebbe avere delle piccole piaghe causate da punture di insetti o da reazioni allergiche. È meglio chiamare il veterinario per escludere una causa fisiologica o, eventualmente, individuare il problema o l’infezione che lo irrita.

Altri motivi che potrebbero indurre il cavallo a cercare di comunicare il fastidio legato al sottopancia potrebbero riguardare la sella e i suoi accessori. Assicurati che la sella gli calzi perfettamente e sia posizionata in modo corretto sulla sua schiena per non causargli nessun tipo di fastidio. La sella è la “conditio sine qua non” per evitare qualsiasi tipo di problema sia per quanto riguarda le reazioni e risposte del cavallo sia per una buona posizione e una buona coordinazione degli aiuti da parte del cavaliere. Anche il sottosella non riguarda solo lo stile. Infatti il suo ruolo, spiega Anthony Paalman ne “Il nuovo libro dell’Equitazione”, non è puramente ornamentale. Il suo compito è quello, innanzitutto, di proteggere il cavallo da fiaccature che potrebbero essere provocate dai movimenti della sella e, al contempo, di preservare il cuoio della sella dal sudore del cavallo. Il sottosella deve essere della taglia giusta non deve essere troppo largo né troppo piccolo, deve essere di un materiale adatto e soprattutto bisogna saperlo sistemare per bene sulla schiena del cavallo per evitare che formi delle pieghe. Il sottopancia poi va scelto con molta cura. La forma, la taglia o il materiale sbagliato possono creare notevoli disagi sfregando o pizzicando la pelle del cavallo. Il sottopancia dovrebbe essere abbastanza stretto per tenere la sella in posizione, ma non così tanto da limitare la respirazione o il movimento del cavallo o ferirlo. Piaghe e tagli possono essere causati anche dall’usura del finimento stesso o da una sua cattiva manutenzione, infatti i peli e croste di polvere e sudore gli possono restare attaccati e, sfregando la pelle, creare piccole abrasioni o vesciche anche in punti in cui non sono facili da individuare immediatamente. A questo problema si può ovviare utilizzando diversi tipi di fodere che forniscono uno strato di protezione morbido, traspirante e anti-umido. Inoltre il rivestimento può essere tolto e lavato separatamente. Indipendentemente dal modello di sottopancia e dalle protezioni utiliz­zate, è fondamentale, nel momento in cui si sella il cavallo, non stringerlo troppo forte e in solo colpo. Occorre lasciare due dita tra il sottopancia e il corpo dell’animale. È fondamentale assicurarsi, dopo averlo allacciato, che la pelle del ca­vallo non abbia fatto delle pieghe.

Ma è importante chiedersi se il cavallo è stato adeguatamente addestrato a portare la sella. I cavalli hanno una buona e lunga memoria, soprattutto quando è coinvolto il dolore. Un trauma precedente, in qualsiasi momento della sua vita, può aver causato la sua reazione avversa. E se ricorda che il sottopancia gli ha causato dolore, potrebbe temere che ciò si ripeterà di nuovo. Alla sua reazione si aggiunge, e in un certo senso la completa, la nostra reazione. Infatti appena vediamo che il cavallo si irrita noi interrompiamo il processo. Il prof. Angelo Telatin spiega che questo comportamento può persistere come paura condizionata ovvero come una risposta a una paura innescata da uno stimolo specifico ma non dal dolore effettivo che è stato inizialmente provato. Ciò a cui dovremmo prestare attenzione, continua Telatin, è di non innescare la seguente sequenza di apprendimento:

  • Pressione causata dallo stringere il sottopancia (richiesta di un comportamento);
  • Risposta: il cavallo si agita, diventa teso, tira le orecchie indietro, ecc. (Comportamento indesiderato);
  • Il cavaliere completa la sellatura o interrompe la procedura (rilascia la pressione, premia quindi il comportamento indesiderato).

In questa situazione è facile per il cavallo associare il suo comportamento indesiderato all’interruzione della pressione esercitata dal sottopancia e per questo motivo è molto probabile che l’intensità della sua risposta aumenti sempre più con il tempo e arrivare a mordere o tirare calci.

Sfortunatamente, è un problema che non si risolve dall’oggi al domani, a volte può richiedere persino diversi mesi. In ogni caso, si dovrà ricominciare l’addestramento del cavallo. Tanta pazienza e piccoli passi saranno la chiave del successo. È sempre meglio non agire da soli e non prendere iniziative ma farsi aiutare e affiancare da addestratori esperti.

Fonte: thehorse.com

Il nuovo libro dell’Equitazione
Anthony Paalman

“Il nuovo libro dell’Equitazione” di ANTHONY PAALMAN. Il manuale che è da tutti conosciuto come la “bibbia dell’equitazione” per il modo preciso e dettagliato con cui affronta ogni singolo aspetto della preparazione del cavallo da salto. Seconda edizione.

 

Disponibile su imisteridelcavalloStore >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Disponibile presso ElephantsBooks in libreria oppure ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Disponibile su IBS.IT >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Disponibile presso laFeltrinelli >>> ACQUISTA ON LINE

 

Il testo è ordinabile (fornendo il codice ISBN: 9788890950438) presso tutte le librerie in territorio nazionale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: