barriere a terra

Il percorso di barriere a terra

Il percorso di barriere a terra. Riprodurre un tracciato di salto è un esercizio utile, divertente e stimolante sia per il cavaliere che per il cavallo.

Le barriere a terra sono uno degli strumenti più versatili negli allenamenti equestri. Possono essere usate per tutti i tipi di cavalli e in diverse attività. Cambiando la loro configurazione possono essere usate in tutte e tre le andature. Il loro uso è limitato solo dall’immaginazione.

Le barriere a terra sono, a volte, erroneamente chiamate cavalletti. Anche se in alcuni casi l’uso delle barriere a terra e dei cavalletti sono intercambiabili, non sono la stessa cosa.

Le barriere a terra sono di solito i pali in legno o PVC usati per costruire gli ostacoli. Le loro estremità non sono appoggiate su nessun supporto ma come suggerisce il loro stesso nome si dispongono direttamente a terra. Il loro unico limite è che si spostano e rotolano facilmente se vengono urtate o calpestate. Se ci si allena da soli serve sempre l’aiuto di un’altra persona che le possa sistemare quando vengono spostate.

I cavalletti, invece, sono delle barriere in legno o PVC che però vengono sollevati da terra diversi centimetri poggiando le loro estremità su un supporto cubico o a forma di X permettendo di stabilire 3 altezze diverse. I supporti rendono i cavalletti più stabili poiché è necessaria un po’ più di forza di un semplice urto con lo zoccolo per farli spostare.

Le barriere a terra rendono le lezioni più interessanti aggiungendo varietà e stimoli all’allenamento. Il binomio sviluppa equilibrio, sensibilità, sicurezza e forza. Tradizionalmente le barriere a terra vengono disposte in fila con una spaziatura proporzionale alla falcata del cavallo e all’andatura a cui si devono superare. Una ricerca in internet, sui diversi siti specializzati, fornirà diverse disposizioni più o meno elaborate per cimentarsi con le proprie capacità. Quando si avrà un buon controllo del cavallo si potrà fare un ulteriore passo avanti e realizzare, con le barriere a terra, un vero e proprio percorso da affrontare prima al passo, poi al trotto e, se siamo in grado, al galoppo.

È un esercizio che richiede una discreta esperienza anche se lo si esegue solo al passo e al trotto. Il cavaliere deve essere in grado di condurre il cavallo nella direzione stabilita dalla disposizione delle barriere e mantenerlo a una velocità costante. Deve avere una posizione stabile in sella e sapere usare gli aiuti in modo coordinato.

Il cavallo deve avere almeno un buon addestramento di base e una buona rispondenza agli aiuti. Deve sapere svolgere correttamente le transizioni e mantenere un’andatura sempre regolare. Al galoppo non è fondamentale che sappia cambiare di piede al volo. Può semplicemente passare dal galoppo destro al sinistro e viceversa ritornando al trotto.

Tuttavia, il cavaliere deve essere in grado di riconoscere su quale piede il suo cavallo sta galoppando e riportarlo sul piede giusto con una transizione. È necessario costruire un tracciato con le barriere che sia adatto sia alle capacità del cavaliere che a quelle del cavallo.

Il percorso deve essere costituito da cambiamenti classici di maneggio, come diagonali, longitudinali, circoli e via dicendo. Se si tratta delle prima volte, predisponiamo le  barriere come salti singoli. I più esperti possono aggiungere linee dirette o spezzate o anche combinazioni a uno o due tempi. È chiaro che più il tracciato è elaborato, più è difficile da eseguire in quanto prevede frequenti cambi di direzione soprattutto al galoppo.

Anche se si tratta di semplici barriere a terra le regole del percorso non cambiano. Bisogna prima memorizzare gli “ostacoli”, studiare le curve e i cambiamenti di direzione. Il cavallo deve procedere sempre dritto e al centro dei salti. La massima attenzione deve essere rivolta alla regolarità dell’andatura. Il cavallo deve procedere ad una velocità costante.


Per approfondire l’utilizzo di barriere e cavalletti:

 

Cavalletti
di Reiner e Ingrid Klimke

Due grandi campioni Ingrid e Reiner Klimke, dopo aver condotto al successo i propri cavalli, spiegano come sviluppare al meglio le naturali attitudini del cavallo attraverso un lavoro svolto sui cavalletti. Una guida completa all’utilizzo di questa tecnica con utilissimi programmi di lavoro direttamente sperimentati, con successo, dagli autori. Questa nuova edizione italiana riporta gli aggiornamenti ultimati nei primi mesi del 2018. Uno “speciale” su come affrontare le gabbie e uno sulla sequenza dei movimenti al galoppo in circolo. 201 foto e 25 illustrazioni a colori.

Disponibile su:

imisteridelcavalloStore >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

ElephantsBooks in libreria oppure ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

 IBS.IT >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

laFeltrinelli >>> ACQUISTA ON LINE

 

Il testo è ordinabile (fornendo il codice ISBN: 9788890950476) presso tutte le librerie in territorio nazionale.

Per conoscere tutto sul salto ostacoli:

Il nuovo libro dell’Equitazione
Anthony Paalman

“Il nuovo libro dell’Equitazione” di ANTHONY PAALMAN. Il manuale che è da tutti conosciuto come la “bibbia dell’equitazione” per il modo preciso e dettagliato con cui affronta ogni singolo aspetto della preparazione del cavallo da salto. Seconda edizione.

Disponibile su:

imisteridelcavalloStore >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

ElephantsBooks in libreria oppure ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

IBS.IT >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

laFeltrinelli >>> ACQUISTA ON LINE

 

Il testo è ordinabile (fornendo il codice ISBN: 9788890950438) presso tutte le librerie in territorio nazionale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: