piedi nelle staffe

Posizionare correttamente i piedi nelle staffe

Posizionare correttamente i piedi nelle staffe è importante per avere un assetto stabile e sicuro. Ma dove si dovrebbero posizionare i piedi?

La prima cosa che si insegna nelle prime lezioni di equitazione è di tenere le staffe nella parte più larga del piede. Ma spesso vediamo cavalieri inforcare le staffe sino tacco (tipico anche dell’equitazione militare e da squadrone), altri poggiare solo la punta del piede. Ma qual’ è la posizione corretta?

La posizione dei piedi è un aspetto molto importante per un buon assetto. Ma se ne parla poco. Durante le lezioni di equitazione è più probabile sentire l’istruttore dire “talloni giù!”. In effetti le caviglie flessibili sono la chiave per assorbire l’azione della falcata del cavallo. Se le punte dei piedi sono più basse dei talloni, o se le caviglie sono rigide, l’effetto sarà percepito dal resto della gamba verso la schiena del cavaliere e attraverso le braccia. Una caviglia flessibile è essenziale per avere un assetto stabile e al contempo morbido e rilassato. Quando la caviglia è rigida, l’assetto del cavaliere rimbalza invece di seguire il movimento del cavallo e le mani tirano costantemente le redini.

Ma oltre a tenere i talloni bassi, è anche importante conoscere la posizione dei piedi nelle staffe. Infatti, un posizionamento scorretto del piede può influenzare la posizione e quindi non avere un assetto stabile e sicuro.

Dove esattamente si dovrebbe posizionare il piede nella staffa?

La parte del piede che “di regola” va appoggiata nella staffa è l’avampiede, ovvero la parte più larga del piede. Il motivo di questa posizione è che se tieni la staffa troppo in punta potrebbe scivolare e il cavaliere potrebbe perdere la staffa, con varie conseguenze. Mentre, se si mette tutto il piede nella staffa (come i militari), se si dovesse cadere si potrebbe avere una maggior possibilità di rischio di rimanere staffati. Per questo motivo quest’ultima posizione è altamente sconsigliata.

Perché sono importanti le staffe di sicurezza?

È importante assicurarsi di utilizzare sempre le staffe di sicurezza. Lo scopo delle staffe di sicurezza è assicurarsi che se si dovesse cadere da cavallo, il piede si sgancia e non si rimane bloccati nelle staffe e si viene trascinati dal cavallo.

Oggi, esistono diversi tipi e marche di staffe di sicurezza che utilizzano diverse caratteristiche e meccanismi di sicurezza..

Le staffe di sicurezza sono sempre fondamentali, non importa se sei un principiante o un cavaliere avanzato. Dopo tutto, non si sa mai cosa può succedere.


Per conoscere il proprio corpo e autoeducarsi al movimento

 

Il Cavallo ed Io
di Antonella Lioce

Feldenkrais ed equitazione. Un viaggio nel metodo Feldenkrais®. Un manuale che ti prende per mano e ti fa capire che imparare ad «eseguire un movimento (in sella) è relativamente semplice» ma imparare a «sentire ciò che quel movimento genera in noi e per riflesso nel cavallo … è tutta un’altra storia.»

Il Metodo Feldenkrais® sviluppa ciò che in noi è innato, stimola la nostra intelligenza motoria unita alla plasticità del nostro cervello in grado di apprendere a qualsiasi età e in qualsiasi condizione. Attraverso processi motori di consapevolezza offre la possibilità di mettere a fuoco le nostre reali abilità, quindi prenderne coscienza e conoscenza. Ci offre la possibilità d’imparare ad imparare da noi stessi e riconoscere la propria immagine. Nella relazione con il nostro cavallo ci allena a sintonizzare e modulare il lavoro del proprio corpo. La flessibilità, la coordinazione, il focus, l’equilibrio dinamico e statico, la postura, il linguaggio non verbale, l’attenzione saranno più efficienti ed efficaci.

Disponibile su:

imisteridelcavalloStore >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

Elephantsbooks in libreria oppure ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

More Than a Horse >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

IBS.IT >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

laFeltrinelli >>> ACQUISTA ON LINE

Per migliorare la tecnica

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.