stivali da equitazione

Storia degli stivali da equitazione

Gli stivali da equitazione servono a garantire comfort e sicurezza in sella. Le loro origini sono antiche, risalgono al medioevo.

Gli stivali da equitazione sono calzature abbastanza alte (arrivano sino al ginocchio) e servono per evitare che il cuoio e i componenti della sella pizzichino la gamba del cavaliere. Hanno una punta robusta per proteggere il piede del cavaliere quando è a terra e un tacco alto circa 2-3 cm per evitare che il piede scivoli attraverso la staffa. La suola è leggermente zigrinata o liscia per evitare che si impigli nella staffa in caso di caduta.

Quando sono comparsi i primi stivali da equitazione?

I cavalli furono addomesticati intorno al IV secolo a.C. eppure le prime notizie sugli stivali da equitazione risalgono al Medioevo. I cavalieri medievali, infatti, usavano stivali alti per proteggersi le gambe durante guerre e tornei. Erano realizzati in cuoio rigido e avevano una forma appositamente sagomata per adattarsi alla forma del piede del cavaliere e per fornire una presa sicura nelle staffe.

Nel corso del tempo, gli stivali da equitazione si sono evoluti per soddisfare i cambiamenti che l’equitazione stava affrontando. Il Rinascimento fu un periodo in cui gli stivali da equitazione decollarono davvero. L’equitazione era sia un’attività pratica nelle sue applicazioni militari e di trasporto (gli uomini usavano i loro cavalli come mezzo quotidiano per raggiungere la loro destinazione). Ma divenne sempre più un’arte e un’attività di svago. La caccia alla volpe, ad esempio, divenne uno sport molto popolare. Furono quindi apportate alcune modifiche allo stivale da equitazione, che divenne più morbido, più sottile e più confortevole. Con una finitura in pelle lucida, una parte superiore alta per proteggere la gamba durante la cavalcata e rifinita con nappe accattivanti e con la possibilità di ripiegare la parte superiore sotto il ginocchio.

Nel XVIII secolo si diffusero gli stivali assiani (importati per la prima volta in Inghilterra dalla Germania tra il 1794 e il 1795). Nati come calzature militari e usati soprattutto dagli ufficiali, si diffusero in seguito anche in ambito civile. Gli assiani avevano un tacco basso e punta semi-appuntita che li rendeva pratici per l’uso a cavallo, in quanto permettevano di usare facilmente le staffe. Arrivavano al ginocchio e di solito avevano un fiocco decorativo al termine della cavigliera.

L’evoluzione in gomma

Nel 1852, la scoperta la gomma ispirò il Duca di Wellington a creare quelli che oggi sono conosciuti come stivali Wellington (in inglese Wellington boots o Wellies) in seguito chiamati anche stivali di gomma. Lo stivale da equitazione ispirò il design. Li indossava Arthur Wellesley, I duca di Wellington rendendoli famosi. Lo stivale Wellington divenne un punto fermo nell’abbigliamento pratico per l’aristocrazia britannica e la borghesia all’inizio del XIX secolo. Il nome ora indica gli stivali impermeabili in gomma di uso comune in attività agricole, caccia, pesca e, più in generale, in attività all’aperto.

L’avvento della modernità

Nel XIX secolo, con il proliferare delle competizioni equestri e dell’equitazione come sport, gli stivali da equitazione iniziarono a essere progettati specificatamente per questo scopo, diventando più flessibili, confortevoli e sicuri.

Con l’avvento delle moderne tecnologie, gli stivali da equitazione hanno continuato a evolversi per diventare ancora più leggeri, traspiranti e resistenti, offrendo maggiore sicurezza e comfort sia per il cavaliere che per il cavallo.

Nel XX secolo gli stivali da equitazione, sono diventati un simbolo di moda e status sociale, adottati anche in molti altri sport come il polo, l’equitazione western e l’endurance.

In sostanza, come sono cambiati nel corso del tempo?

Con gli sviluppi tecnologici, le poche caratteristiche che si sono evolute sono lo sviluppo di pelli più morbide ed elastiche, schienali elasticizzati per massimizzare il comfort e cerniere per facilitare la calzata. Tradizionalmente gli stivali si chiudevano con i lacci e sono ancora utilizzati in settori come il completo, quindi gli stivali da equitazione non sono cambiati molto!

I tacchi degli stivali da equitazione erano storicamente alti, oggi gli stivali moderni hanno tacchi più bassi, ma hanno ancora l’elemento pratico di impedire al piede di scivolare attraverso la staffa. Oggi, solo alcuni modelli di stivali da cowboy mantengono un tacco più alto rispetto agli altri stivali da equitazione moderni.

Nel complesso, gli stivali da equitazione sono rimasti fedeli al loro concetto originale e non sono cambiati molto: le basi sono rimaste le stesse per tutti questi anni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.