Clicker Training: la scienza alla base delle correzioni

Le correzioni sono un aspetto della formazione del cavallo. Il loro uso deve essere dettato da sensibilità, esperienza e moderazione.

Il rinforzo positivo usato con il Clicker Training è uno strumento di formazione estremamente potente, ma elimina completamente la necessità di apportare correzioni?

Eleonora Dordoni, nel suo saggio “Principi si apprendimento” chiarisce innanzitutto i concetti e la loro semantica. Per punizione – spiega l’autrice – s’intende la presentazione di uno stimolo che sopprime un determinato comportamento. Esistono due tipi di punizioni: la punizione positiva (+ P) e la punizione negativa (-P). Come per i rinforzi i termini “positivo” e “negativo” non hanno alcun significato etico (buono/cattivo) bensì matematico. Positivo significa che qualcosa viene aggiunto, negativo che qualcosa viene sottratto. Quindi “punizione positiva” significa applicare una correzione e “punizione negativa” significa rimuovere uno stimolo gradito per punire un comportamento indesiderato.

Un esempio pratico di punizione positiva è l’utilizzo di Fruste, frustini, corde e catene. È bene sottolineare che il loro utilizzo, nelle situazioni frustranti per il cavaliere, può facilmente trasformare una finalità educativa in un’azione di indiscriminata violenza. I mezzi punitivi di solito suscitano una risposta di fuga e possono essere causa dei più svariati traumi, che potrebbero rimanere impressi nella mente dell’animale per sempre. L’utilizzo della punizione positiva necessita di molte cautele in quanto gli aspetti negativi sono maggiori di quelli positivi, considerando anche la mancanza di eticità del trattamento che lede il cavallo sia fisicamente che emotivamente.

Un esempio di pratico di punizione negativa lo si può attuare al momento della somministrazione del pasto se si ha a che fare con un cavallo che agisce in modo aggressivo. Ci si può avvicinare alla stalla con il cibo in mano e nel momento in cui mostra segni di aggressività, si va via con il cibo. Si ritorna pochi istanti dopo e ci si avvicina gradualmente  finché il cavallo è calmo e andando via appena cambia atteggiamento. Tanti esempi si possono vedere nell’utilizzo del clicker training. Quando il cavallo non esegue il comportamento desiderato l’addestratore trattiene il rinforzo positivo e associa una sorta di segnale vocale facendogli capire che non è riuscito a guadagnare la sua ricompensa. Di solito si usa rivolgersi al cavallo con un tono serio dicendogli “NO!” oppure “RIPROVA!”

La punizione positiva è molto più comune nel mondo dell’addestramento dei cavalli ma è anche la più abusata e fraintesa. La punizione negativa, ancora oggi, viene difficilmente applicata nel mondo equestre e, nel corso degli anni, è stata erroneamente etichettata. Tutti i programmi di formazione dei cavalli, chi più e chi meno, utilizzano i rinforzi positivi e negativi e le punizioni positive e negative ma un cavaliere deve sapere come funzionano e quando usarli, deve conoscere la scienza dietro il metodo. Non ci si deve mai dimenticare che ogni comportamento del cavallo è la manifestazione di uno stato d’animo, di un bisogno o di una sofferenza fisica e anche per queste ragioni, prima ancora di essere punito, tale comportamento andrebbe analizzato per capirne le motivazioni e scongiurare fattori di cui si è ignari.


Principi di apprendimento – il ruolo del rinforzo positivo
di Eleonora Dordoni

Hai sentito parlare di clicker, clicker training e rinforzo positivo. Hai guardato video e googlato i termini ma le informazioni trovate sono molto generiche o vaghe? Il saggio “Principi di addestramento – il ruolo del rinforzo positivo”, a firma di Eleonora Dordoni, spiega in modo semplice e chiaro le tecniche del rinforzo positivo. Il principale obiettivo di questo lavoro è quello di mettere in evidenza il valore delle teorie dell’apprendimento nell’addestramento del cavallo. Al giorno d’oggi la scienza, grazie ai suoi importanti progressi, può aiutare a capire il modo in cui i cavalli pensano e reagiscono ai diversi stimoli. Il saggio analizza i vantaggi dell’utilizzo del clicker training nel lavoro con i cavalli. Il libro si apre con una prefazione del prof. Antonio Lucio Catalano (già Presidente del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Equine della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Parma) e con una introduzione del dr. Angelo Telatin il quale sottolinea che «questo libro contribuisce, grazie a molti esempi e a una filosofia di base, a ridurre il gap tra psicologia dell’ap­prendimento e addestramento […] Eleonora Dordoni  è stata in grado, grazie alla sua abilità di tradurre in un linguaggio accessibile concetti complessi, di fare una sintesi accurata e intuitiva di cosa sia la psicologia dell’apprendimento».

 

Disponibile su imisteridelcavalloStore >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Disponibile presso ElephantsBooks in libreria oppure ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Disponibile su IBS.IT >>> ACQUISTA ON LINE >>> Clicca qui

 

Il testo è ordinabile (fornendo il codice ISBN: 9788890950483) presso tutte le librerie in territorio nazionale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.